Salute delle piante

Introduzione

L'introduzione e la diffusione di organismi nocivi ai vegetali, come funghi, batteri, virus e insetti tra le colture alimentari rappresenta una seria minaccia, può comportare conseguenze economiche, sociali e ambientali di vasta portata. Questi organismi vengono spesso introdotti in aree non interessate in precedenza dall'importazione di vegetali.

In Europa le misure di protezione contro l'introduzione di nuovi organismi nocivi ai vegetali si basano su controlli di legge del movimento dei vegetali e dei prodotti vegetali. Valutare la probabilità di introduzione e successiva diffusione di organismi nocivi ai vegetali in una determinata area, nonché le potenziali conseguenze, contribuisce a informare le decisioni politiche sulle misure di protezione da assumere. Una delle attività principali del gruppo di esperti scientifici sulla salute dei vegetali (PLH) dell'EFSA consiste nell'effettuare valutazioni del rischio fitosanitario impiegando una gamma diversificata di competenze professionali specialistiche e le più recenti conoscenze scientifiche in materia, onde fornire, in ultima analisi, consulenza scientifica alla Commissione europea.


Quadro normativo UE

Le misure di protezione contro l'introduzione e la diffusione nell’UE di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali sono stabilite dalla Direttiva 2000/29/CE del Consiglio, che contiene elenchi di organismi che minacciano la salute dei vegetali nell'Unione europea.

Ruolo dell’EFSA

Il gruppo di esperti scientifici PLH è operativo dall'estate 2006 e, su richiesta della Commissione europea, valuta l’opportunità o meno di includere determinati organismi nocivi ai vegetali negli appositi elenchi dell'UE effettuando lavori di categorizzazione degli organismi nocivi e/o valutazioni del rischio fitosanitario o in taluni casi esaminando valutazioni del rischio fitosanitario effettuate da terzi.

Il gruppo PLH applica una metodologia di valutazione quantitativa del rischio ai propri lavori. Ne è un recente esempio la valutazione del rischio fitosanitario per il territorio UE connesso alla lafigma (Spodoptera frugiperda), insetto sudamericano diffusosi rapidamente negli ultimi due anni nell’Africa sub-sahariana e ora in fase di diffusione in India.


Per ulteriori informazioni

Salute dei vegetali, Commissione europea, DG Salute e consumatori

Tweets