EU-FORA: il programma europeo di borse di formazione in valutazione del rischio alimentare: candidatevi per la terza tornata entro il 31 gennaio 2019!

L’EFSA invita potenziali borsisti ed enti ospitanti a candidarsi per il ciclo 2019-2020 del suo Programma europeo di borse di formazione in valutazione del rischio alimentare (EU-FORA), iniziativa cruciale per creare nell’UE competenze di valutazione scientifica del rischio e la relativa comunità del sapere.

EU-FORA rappresenta è un'opportunità unica per scienziati a inizio e metà carriera provenienti da Paesi dell’UE e dell’EFTA. Il programma offre a candidati con la giusta motivazione ​​la possibilità di ampliare le proprie conoscenze e acquisire esperienza pratica nella valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare.

Fulcro del programma di formazione è la valutazione del rischio chimico e microbiologico. Esso è rivolto a professionisti dei seguenti settori: biologia molecolare, biologia, microbiologia, medicina veterinaria/umana, agronomia/scienze agrarie, biochimica, chimica, scienze ambientali, tecnologia alimentare o tossicologia (vedi l'elenco completo delle aree di interesse nella sezione eligibility & selection criteria).

Come si svolge?

Per 12 mesi, mentre imparano facendo, i borsisti verranno inseriti in un organismo europeo di valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare situato al di fuori del proprio Paese di residenza. I borsisti verranno integrati completamente nei siti ospitanti, parteciperanno al lavoro dell'ente, acquisiranno esperienza di prima mano e accresceranno le proprie conoscenze su molti aspetti scientifici inerenti alla valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare.

Durante la permanenza i borsisti beneficeranno anche di un’apposita formazione presso la sede dell'EFSA e presso le autorità nazionali per la sicurezza alimentare a Vienna, Berlino e Atene. Per aggiornare e organizzare tale formazione è stato indetto un apposito bando di gara d’appalto.

Il programma di borse offerte dall’EFSA promuove lo sviluppo di competenze di valutazione scientifica a dimensione UE nonché la creazione di una specifica “comunità del sapere”. Rafforzerà la cooperazione tra agenzie europee di sicurezza alimentare e tra queste e l'EFSA, contribuendo così all'armonizzazione delle prassi di valutazione del rischio alimentare in tutta Europa.

Ti interessa diventare borsista? Fai domanda qui

L’ente presso cui lavori è interessato a ospitare un borsista? Fare domanda qui

Sei interessato a formare borsisti? Maggiori informazioni qui *

* Il bando di gara riguardante la fornitura di attività formative è stato pubblicato il 07/11/18. I documenti di gara saranno disponibili qui sul sito web dell'EFSA una volta che il bando di gara sarà stato tradotto in tutte le lingue dell'UE, ovvero 7 giorni dopo la pubblicazione del bando.

Note on the processing of personal data in the context of the EU-FORA Fellowship Programme


 
Guardate il video qui di seguito e ascoltate come si sono espressi i borsisti precedenti circa le proprie motivazioni a partecipare al programma.
 

Se ne volete sapere di più, leggete le informazioni qui di seguito e le domande e risposte più comuni.

Informazioni per i borsisti e i loro enti di provenienza

Sei uno scienziato a inizio o metà carriera in ambito di sicurezza alimentare e stai cercando un'entusiasmante opportunità di sviluppo professionale? Continua a leggere e scopri i vantaggi del programma di borse di formazione con i requisiti per parteciparvi.

Quali i vantaggi per te?

Acquisirai una conoscenza approfondita e pratica di molti aspetti scientifici relativi alla valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare. Scoprirai come selezionare e applicare metodologie di valutazione del rischio, come raccogliere e analizzare dati pertinenti, come utilizzare modelli computazionali nella valutazione del rischio e come fare efficace comunicazione del rischio.

L'approccio 'imparare facendo' che si applicherà nei siti ospitanti ti darà l'opportunità di acquisire preziose esperienze pratiche in molte aree della valutazione del rischio. Inoltre tu, insieme agli altri borsisti, trarrai vantaggio dalla formazione introduttiva che si terrà all'EFSA e seguirai tre ulteriori moduli di formazione distribuiti nell’arco dei 12 mesi del programma presso gli enti nazionali di sicurezza alimentare a Vienna, Berlino e Atene.

Diventa membro della comunità del sapere sulla valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare! Lasciati ispirare dalle tante persone interessanti, innovative ed entusiaste che incontrerai durante i 12 mesi di formazione, e rimani in contatto con i tuoi ex colleghi partecipando attivamente alla rete degli ex borsisti.

Riceverai un certificato di partecipazione e pubblicheremo la relazione scientifica del tuo lavoro da borsista in un numero speciale dell'EFSA Journal

Requisiti per ottenere una borsa

  • È necessario avere una laurea in un settore pertinente alla sicurezza alimentare, ad esempio biologia molecolare, biologia, microbiologia, medicina veterinaria/umana, agronomia/scienze agrarie, biochimica, chimica, scienze ambientali, tecnologia alimentare o tossicologia.
  • Non bisogna avere più di 15 anni di esperienza lavorativa in ambito di sicurezza alimentare.
  • Bisogna essere cittadino di uno Stato membro dell'UE o dell'EFTA.
  • È d'obbligo avere una buona padronanza dell'inglese (livello minimo: B2 secondo il QCER).
  • Consulta la pagina full eligibility and selection criteria
  • Fai domanda qui - scadenza: 31 gennaio 2019

Quali i vantaggi per il tuo ente di provenienza?

  • Tornerai al tuo ente di appartenenza arricchito di nuove competenze, maggior conoscenza ed esperienza pratica nella valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare.
  • Il tuo ente avrà l'opportunità di intessere relazioni con l'organismo ospitante e di avviare attività in comune.
  • Diventerai membro di una solida rete di scienziati a livello europeo nel settore della sicurezza alimentare.
  • Le tue “connessioni di rete” miglioreranno le attività di cooperazione del tuo organismo di provenienza nel panorama della valutazione del rischio alimentare nell'UE.

Informazioni per gli enti che ospiteranno borsisti

Sei un ente di valutazione del rischio alimentare in uno Stato membro dell'UE, in Islanda o in Norvegia? Oppure il tuo ente è uno degli altri 300 e più organismi di cui all'articolo 36 che assistono l'EFSA nel proprio lavoro? L'EFSA offre l'opportunità di ospitare uno o più scienziati ben motivati, ​​a inizio o massimo a metà carriera, nell’ambito di un'iniziativa volta a rafforzare le capacità europee di valutazione del rischio alimentare. Per ogni nuovo ciclo di borse di formazione di 12 mesi, l'EFSA classificherà i programmi di lavoro pervenuti in base a qualità e pertinenza; pertanto i siti di ospitanti partecipanti potranno variare di anno in anno.

Cosa c'è di nuovo?

Gli enti interessati a ospitare uno o più borsisti hanno ora la possibilità di presentare domanda per un ciclo del programma EU-FORA (2019-2020 oppure 2020-2021) o per due cicli (2019-2020 e 2020-2021).

Per agevolare la partecipazione dei borsisti a conferenze e seminari durante il periodo di formazione, sono stati stanziati appositi fondi. I siti ospitanti potranno fare domanda all'EFSA per la partecipazione dei borsisti a tali eventi. Se la richiesta viene approvata dall'EFSA, i relativi costi verranno coperti

I vantaggi per l’ente ospitante

Potrai godere del supporto di uno scienziato ben motivato con formazione in materia di sicurezza alimentare preveniente da un altro Stato membro. Lui o lei diventerà parte integrante della tua squadra di lavoro per un anno e contribuirà alle attività del tuo ente. Avrai l'opportunità di scambiare opinioni e conoscenze con il borsista. Avere un borsista nella tua equipe ti permetterà di capire meglio i problemi di sicurezza alimentare di altri Paesi europei.

Creerai un forum comune con altri organismi ospitanti per scambiare esperienze e migliori prassi, e coopererai con altri enti ospitanti di tutta Europa per costruire la nuova generazione dei valutatori del rischio. Il tuo ente trarrà vantaggio anche dalla partecipazione dei supervisori dei borsisti alla rete degli ex borsisti.

Al termine del periodo di formazione, il tuo ente beneficerà della relazione scientifica finale sul lavoro del borsista, che sarà pubblicata in un’edizione speciale dell'EFSA Journal.

Requisiti dei siti ospitanti

  • Il tuo ente deve avere una solida preparazione e vasta esperienza in una o più aree relative alla valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare.
  • Il tuo ente dovrà proporre una serie di attività pertinenti e una o più aree scientifiche che coinvolgano i borsisti durante il loro periodo di formazione.
  • Per ciascun borsista il tuo ente dovrà nominare un supervisore esperto che dedichi tempo ad attività di tutoraggio e supporto.

Candidati borsisti:

Cosa s'intende per professionista a inizio o metà carriera?

Scienziato che, alla data di chiusura del bando a manifestare interesse, abbia un massimo di 15 anni di esperienza professionale in attività relative alla sicurezza alimentare (compresa valutazione del rischio, comunicazione del rischio e gestione del rischio).

Quanto deve essere approfondita la mia conoscenza dei settori relativi alla valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare?

Dovrai avere una solida conoscenza degli aspetti fondamentali della sicurezza alimentare, ma non necessariamente della valutazione del rischio per la sicurezza alimentare. La formazione introduttiva di tre settimane ti fornirà le basi necessarie per il successivo inserimento nel sito ospitante.

Un borsista può scegliere il sito in cui essere ospitato?

No. Sulla base delle informazioni acquisite dalla domanda di partecipazione (formazione scientifica, motivazione, area di interesse, ecc.), un comitato di valutazione dell'EFSA troverà la miglior corrispondenza con uno dei programmi di lavoro proposti dai siti ospitanti. Una volta confermato ciò, al borsista verrà chiesto di redigere un concreto piano di lavoro con gli obiettivi di apprendimento insieme al supervisore, prima che il periodo di distacco abbia inizio.

Le persone che lavorano presso organismi non inclusi nell’elenco di cui all’art.36 possono candidarsi come borsisti?

Sì. A partire dal bando in corso, anche gli scienziati che non lavorano in un organismo di cui all’art 36 oppure sono inoccupati possono presentare domanda.

I borsisti devono parlare la lingua del Paese ospitante?

No. Il sito ospitante può offrire ai borsisti la frequenza di un corso di lingua per facilitarne l’integrazione.

Il sito ospitante predispone e paga l’alloggio dei borsisti?

No. È il borsista che trova e paga l’alloggio per proprio conto. L'indennità mensile che il borsista riceve dal sito ospitante è destinata a tale scopo. Il sito ospitante può tuttavia assistere il borsista nella ricerca di un alloggio.

Chi procura e paga l'alloggio durante i moduli di formazione a Parma, Vienna, Berlino e Atene?

L'alloggio dei borsisti negli hotel sarà gestito a cura del Programma

Chi paga le spese di viaggio?

Verrà offerto un solo volo di andata e ritorno dall'organismo di origine al sito ospitante e viceversa. Inoltre tutti i viaggi da e verso i quattro siti di formazione saranno gestiti dal Programma. All'inizio del periodo di distaccamento i borsisti e i siti ospitanti possono concordare una eventuale copertura di spese di viaggio supplementari da parte del sito ospitante.

Quali sono le disposizioni per i contributi di previdenza sociale?

Spetta al borsista coprire eventuali contributi previdenziali, se necessario. Si ricorda che il borsista non è un "dipendente" dell’ente ospitante, e l'indennità mensile erogata al borsista non è uno "stipendio".

I candidati di quali Paesi possono fare domanda?

Possono presentare domanda i candidati provenienti dagli Stati membri dell'UE e dai Paesi EFTA.

Qual è l'importo dell’indennità che riceveranno i borsisti?

I borsisti riceveranno un’indennità mensile di 2 200 EUR (moltiplicata per il fattore correttivo aggiornato annualmente correction_coefficients_EU.pdf per rispecchiare il costo della vita nel Paese del sito ospitante per i 12 mesi di durata della borsa. Per facilitare la fase di installazione, i borsisti riceveranno inoltre un'indennità mensile supplementare all'avvio del programma. Il borsista dovrà coprire a proprie spese tutti gli altri costi, compresi quelli di previdenza sociale.

I borsisti dovranno prendere un’aspettativa non retribuita per la durata del tirocinio oppure il loro ente di origine continuerà a pagare gli stipendi e i contributi di previdenza sociale e pensionistici del proprio Paese?

Lo status contrattuale, la prosecuzione del pagamento degli stipendi, i contributi assicurativi e/o previdenziali nazionali, e qualsiasi altra indennità sono a discrezione dell'ente di origine. Si consiglia ai borsisti di chiarire le condizioni del loro distacco con i propri enti di provenienza.

Qual è il numero minimo o massimo di anni di esperienza che occorre per potersi candidare?

I borsisti non dovranno avere più di 15 anni di esperienza lavorativa nel settore della sicurezza alimentare.

I borsisti non dovranno avere più di 15 anni di esperienza lavorativa nel settore della sicurezza alimentare.

Non necessariamente. Il collocamento per un anno in un Paese UE avverrà presso un organismo di cui all'articolo 36 selezionato dall'EFSA come sito ospitante. A seconda dell’esito di tale selezione, l'assegnazione potrà avvenire in organismi situati in una delle suddette città. Tuttavia i riferimenti a Parma, Vienna, Atene e Berlino nell'invito si riferiscono esclusivamente ai "moduli di formazione" che si svolgeranno in ciascuna di queste città in un determinato momento durante il periodo di formazione di 12 mesi.

Che genere di relazione scientifica ci si attende dai borsisti in vista della pubblicazione sull'EFSA Journal al termine del periodo formativo?

Ci si aspetta che i borsisti producano un rapporto tecnico e/o scientifico che spieghi le attività in cui sono stati coinvolti durante il periodo della borsa, descrivendone scoperte e risultati.

Un borsista può partecipare al programma per meno di 12 mesi?

No. Il programma è stato concepito per durare 12 mesi onde raggiungere i suoi specifici obiettivi.

Siti che ospitano borsisti:

Un sito ospitante può esprimere preferenza per un dato borsista in fase di selezione?

Sì, nell'ultima fase del processo di selezione. Per ciascun posto disponibile presso i siti ospitanti, il comitato di valutazione dell'EFSA proporrà due candidati i cui profili meglio si attagliano al piano di lavoro proposto. I siti ospitanti selezioneranno quindi il candidato prescelto tra i due.

Un sito ospitante può proporre più di un programma di lavoro e accogliere più di un borsista?

Sì. Ogni programma di lavoro sarà valutato singolarmente dal comitato di valutazione dell'EFSA, tuttavia può accadere che non tutti i programmi di lavoro proposti siano tra quelli che ricevono il maggior punteggio.

Un sito ospitante può fare domanda solo per il primo o il secondo anno del bando?

Sì. Gli enti interessati a ospitare uno o più borsisti hanno la possibilità di presentare domanda per un solo ciclo del programma EU-FORA (2019-2020 o 2020-2021) o per entrambi i cicli (2019-2020 e 2020-2021).

Un sito ospitante che presenti domanda per entrambi gli anni può proporre un unico programma di lavoro da svolgere nell'arco di due anni?

No. Poiché non è certo che i programmi di lavoro per entrambi gli anni vengano classificati sufficientemente in alto in graduatoria da essere selezionati, dovrebbero essere indipendenti l’uno dall’altro. Tuttavia i due programmi di lavoro potranno essere correlati.

Ci sono limiti al numero di candidature di potenziali borsisti da ogni singolo ente?

No. Il numero di candidature non ha limiti, ma esiste un limite al numero finale di borsisti che verranno scelti, ovvero tre borsisti per ente e un totale di cinque borsisti per Stato membro.

Ci sarà un bando a parte per selezionare i supervisori dei borsisti?

No. È responsabilità del sito che ospita il borsista designare un membro del proprio personale come supervisore di ciascun borsista. Tale disposizione è parte dell'accordo di sovvenzione sottoscritto tra l'EFSA e il sito confermato come sito ospitante.

Può un supervisore di un borsista supervisionarne più di uno nel sito ospitante?

Spetta al sito ospitante decidere, ma vanno comunque rispettate le seguenti condizioni: ogni borsista deve avere un supervisore individuale esperto nella o nelle aree di attività in cui il borsista sarà coinvolto durante i 12 mesi. Il supervisore dovrà organizzare le attività di tutoraggio e supervisione per otto ore settimanali a borsista, di cui almeno due da trascorrere con il supervisore stesso.

Ente di provenienza che distacca il borsista

Qual è il nostro ruolo nel programma?

Il personale del tuo ente potrebbe essere interessato a partecipare al programma di borse oppure potresti suggerire loro tu stesso la partecipazione. In entrambi i casi la partecipazione dei membri del personale a questo programma richiede il tuo accordo e favore. È necessario tenere conto e pianificare l'assenza del rispettivo membro del personale durante i 12 mesi della durata della borsa, e sarà inoltre necessario pianificarne il ritorno e il reintegro a conclusione del programma. Idealmente il reintegro del soggetto dovrebbe avvenire con l’assegnazione di una nuova veste che consenta di mettere a frutto le nuove conoscenze ed esperienze acquisite dal membro del personale.