EU-FORA: programma europeo di borse di studio in ambito di valutazione dei rischi alimentari

Il programma EFSA di borse di studio denominato EU-FORA offre a motivati scienziati a metà carriera provenienti da enti nazionali di valutazione del rischio dell'UE e da qualsiasi altro organismo di cui all’articolo 36 una preziosa opportunità di arricchire le proprie conoscenze ed esperienze nella valutazione dei rischi connessi alla sicurezza alimentare.

Il programma verte principalmente sulla valutazione dei rischi chimici e microbiologici. Si rivolge a professionisti con non più di 15 anni di esperienza professionale nei campi seguenti: biologia molecolare; biologia; microbiologia; medicina veterinaria/umana; scienze agrarie/agronomiche; biochimica; chimica; scienze ambientali; tecnologia degli alimenti o tossicologia.

Come funziona? I borsisti verranno distaccati presso un altro ente europeo di valutazione del rischio per la sicurezza alimentare, fuori dal loro Paese d'origine, per un periodo di 12 mesi di apprendimento sul campo. Verranno totalmente integrati negli organismi ospitanti, parteciperanno alle loro attività, faranno esperienze in prima persona e accresceranno la propria conoscenza di molti aspetti scientifici relativi alla valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare.

L’iniziativa si prefigge di costruire la capacità di valutazione scientifica e la comunità del sapere dell’UE, contribuendo a migliorare la collaborazione tra le agenzie di sicurezza alimentare in Europa e con l'EFSA, nonché l’armonizzazione delle prassi di valutazione del rischio alimentare in tutta Europa.

Siete interessati? Il vostro organismo è interessato a ospitare un borsista?

Informazioni per i borsisti e per i loro organismi di provenienza

Siete scienziati a inizio o metà carriera in ambito di sicurezza alimentare e alla ricerca di un’interessante opportunità di crescita professionale? Continuate a leggere per scoprire vantaggi e requisiti per accedere a questa nuova opportunità.

Quali sono i vantaggi?

Otterrete un'approfondita conoscenza sul campo di molti aspetti scientifici relativi alla valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare. Scoprirete come selezionare e applicare le metodologie di valutazione del rischio, come raccogliere e analizzare i dati pertinenti, come utilizzare i modelli computazionali nella valutazione del rischio e come comunicare efficacemente i rischi.

L’approccio 'imparare facendo' che verrà applicato dai siti ospitanti vi darà la possibilità di acquisire una preziosa esperienza pratica in molte aree della valutazione del rischio. Inoltre all’EFSA parteciperete a una formazione propedeutica insieme ad altri borsisti, nonché a tre moduli supplementari di formazione comune ripartiti nei 12 mesi di durata della borsa.

Fatevi ispirare dalle tante persone interessanti, innovative ed entusiaste della comunità del sapere in ambito di valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare che incontrerete nel corso di questi 12 mesi. Restate in contatto con questi colleghi contribuendo e partecipando alla rete degli ex allievi borsisti.

Vi rilasceremo un attestato di partecipazione e pubblicheremo il rapporto scientifico del vostro lavoro da borsista in un’edizione speciale dell’EFSA Journal.

Quali sono i requisiti per diventare borsista di questo nuovo programma EFSA?

  • Essere impiegati presso uno degli organismi accreditati ai sensi dell'articolo 36 del regolamento istitutivo dell'EFSA da almeno un anno alla data di scadenza delle domande.
  • Possedere un diploma universitario in un campo pertinente alla sicurezza alimentare, come: biologia molecolare; biologia; microbiologia; medicina veterinaria/umana; scienze agrarie/agronomiche; biochimica; chimica; scienze ambientali; tecnologia degli alimenti o tossicologia.
  • Non avere più di 15 anni di esperienza di lavoro totale in ambito di  sicurezza alimentare.
  • Essere cittadini di uno Stato membro dell’UE o dell'EFTA.
  • Avere una buona conoscenza della lingua inglese (livello minimo: B2 del CEFR).
  • Vedere qui l’elenco completo dei criteri di ammissibilità e di selezione.

In che modo il vostro organismo ne trarrà beneficio?

Tornerete al vostro istituto di origine con nuove competenze e know-how, nonché con esperienze pratiche in tema di valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare. Sarete membro di una consolidata rete europea di ricercatori nel campo della sicurezza alimentare. I vostri rapporti in rete miglioreranno le attività di cooperazione del vostro organismo di provenienza nell’ambiente della valutazione del rischio alimentare nell’UE.

Informazioni per gli organismi che ospiteranno i borsisti

Siete un ente di valutazione del rischio di uno Stato membro dell’UE, d’Islanda o della Norvegia? Il vostro è uno dei 300 organismi di cui all’articolo 36  del regolamento istitutivo dell’EFSA? L'EFSA vi offre l'opportunità di ospitare uno o più scienziati motivati all’inizio o a metà carriera, nel contesto di un'iniziativa che mira a incrementare le competenze di valutazione del rischio alimentare in Europa.

I vantaggi per voi

Potrete giovarvi dell’aiuto di uno scienziato motivato con una formazione in materia di sicurezza alimentare, che diventerà parte integrante della vostra forza lavoro per un anno, contribuendo alle attività del vostro organismo. Avrete l'opportunità di scambiare opinioni e conoscenze con il borsista. Avere un borsista in squadra vi permetterà di conoscere il punto di vista di altri Paesi europei su questioni di sicurezza alimentare. Si creerà un foro comune con altri organismi ospitanti per lo scambio di esperienze e buone prassi. Potrete collaborare con altri organismi ospitanti per formare la nuova generazione di valutatori del rischio. Il vostro organismo beneficerà della partecipazione dei supervisori dei borsisti alla rete degli ex allievi del programma.

Il vostro organismo beneficerà anche della relazione scientifica finale del borsista al termine del tirocinio, che sarà pubblicata in un’edizione speciale dell’EFSA Journal.

Requisiti dei siti ospitanti

  • L'organismo ospitante deve avere una solida capacità e una vasta esperienza in una o più aree della valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare.
  • L'organismo ospitante dovrà proporre una serie di attività pertinenti a una o più aree scientifiche in cui coinvolgere i borsisti durante il tirocinio.

Per ciascun borsista il vostro organismo dovrà designare un supervisore esperto, che dovrà dedicare circa otto ore a settimana al suo tutoraggio.

Candidati borsisti:

Cosa s’intende per “professionista a inizio o metà carriera”?

S’intende uno scienziato avente un massimo di 15 anni di esperienza professionale in ruoli attinenti alla sicurezza alimentare (tra cui valutazione del rischio, comunicazione del rischio e gestione del rischio) alla data di chiusura dell’invito a manifestare interesse.

Quanto dev’essere approfondita la mia conoscenza dei settori connessi alla valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare?

Occorre avere una solida conoscenza degli aspetti fondamentali della sicurezza alimentare, ma non necessariamente della valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare. La formazione propedeutica di tre settimane vi darà le basi necessarie per prepararvi al periodo di distaccamento presso il sito ospitante.

Può un borsista scegliere il sito che lo ospiterà?

No. Sulla base delle informazioni ricevute dal borsista tramite la candidatura (formazione, motivazione, area di interesse, etc.), il comitato di valutazione procederà a ricercare la miglior corrispondenza con uno dei programmi di lavoro proposti dai siti che ospitano i borsisti. Tramite il suo supervisore il borsista sarà coinvolto nella messa a punto del piano di lavoro, compresi gli obiettivi di apprendimento, prima dell'inizio del periodo di distacco.

E’ ammesso un candidato proveniente da un ente che sia in procinto di diventare un organismo di cui all’articolo 36?

I candidati provenienti da organismi accreditati in base all’articolo 36 entro dicembre 2016 possono presentare domanda di borsa di studio a partire dal 2017.

I soggetti che lavorano in organismi non compresi nell’elenco di cui all’articolo 36 possono candidarsi come borsisti?

No.

I borsisti devono parlare la lingua del Paese ospitante?

No. Il sito ospitante può offrire ai borsisti la frequenza a un corso di lingua del Paese per facilitarne l’integrazione.

Siti che ospitano i borsisti:

Può un sito ospitante selezionare i borsisti di sua preferenza?

Per ogni posto disponibili presso i siti ospitanti, il comitato di valutazione EFSA proporrà i due candidati il cui profilo meglio corrisponde al piano di lavoro proposto. I siti ospitanti potranno poi scegliere uno tra i due candidati.

C'è un limite al numero di candidature di potenziali borsisti provenienti da un singolo organismo di cui all’articolo 36 ?

C'è un limite di cinque borsisti per Stato membro. Non vi è alcun limite a livello di ciascun organismo.

Ci sarà un bando a parte per selezionare i supervisori dei borsisti?

No. E’ responsabilità del sito ospitante designare un membro del proprio personale come supervisore di ciascun borsista. Questo requisito è parte dell’accordo di sovvenzione firmato tra l'EFSA e il sito prescelto a ospitare il borsista.

Può un supervisore di un sito ospitante sovrintendere a più di un borsista?

Presso il sito ospitante ogni borsista deve avere un supervisore individuale, esperto nei campi di attività in cui il borsista sarà coinvolto durante i 12 mesi del tirocinio. Il supervisore è tenuto a dedicare otto ore settimanali a ciascun borsista. Non ci sono limitazioni, purché siano soddisfatte le condizioni di cui sopra.

Organismo di origine che distacca il borsista

Che parte abbiamo nel programma?

Anche il personale del vostro ente potrebbe essere interessato a partecipare al programma di borse. Oppure potete suggerire voi stessi la partecipazione al vostro personale. In entrambi i casi la partecipazione di membri del vostro personale a questo programma richiede il vostro consenso e sostegno. È necessario predisporsi in anticipo all'assenza del membro del personale per i 12 mesi di durata del programma. Sarà inoltre necessario pianificarne il ritorno e il reinserimento al termine del programma.