L’EFSA inaugura una rete innovativa per l’armonizzazione delle metodologie di valutazione del rischio | Autorità europea per la sicurezza alimentare Salta al contenuto principale

L’EFSA inaugura una rete innovativa per l’armonizzazione delle metodologie di valutazione del rischio

1a riunione della rete scientifica EFSA sull’armonizzazione delle metodologie di valutazione del rischio

L’EFSA occupa una posizione privilegiata per promuovere metodologie armonizzate alla luce del suo ruolo di centro nevralgico per le competenze nel campo della valutazione dei rischi in Europa. Le decisioni collegiali del comitato scientifico, dei gruppi di esperti e dei gruppi di lavoro dell’Autorità si basano sulla competenza di scienziati nonché sui dati ricevuti da Stati membri, organizzazioni di ricerca ed università. La loro partecipazione al lavoro dell’EFSA e i riscontri trasmessi attraverso le reti scientifiche dell’Autorità sostengono la costituzione e il trasferimento della conoscenza e delle migliori prassi alla comunità scientifica. Ne consegue una migliore comprensione dell'esigenza di approcci comuni e di un maggior impegno per affrontare questa sfida.

Allo scopo di costruire una maggiore comprensione dei principi e delle metodologie di valutazione dei rischi, con particolare enfasi sulle metodologie generali di valutazione dei rischi di natura trasversale, il comitato scientifico dell’EFSA ha dato vita a una rete dedicata all’armonizzazione delle metodologie di valutazione dei rischi al fine di:

  • agevolare l’armonizzazione delle pratiche e metodologie di valutazione del rischio
  • ottimizzare lo scambio di informazioni e dati fra l’EFSA e gli Stati membri
  • pervenire a sinergie nella metodologia di valutazione del rischio

Alla prima riunione di questa nuova rete, tenutasi a Parma, Italia, il 7 e 8 giugno 2012, hanno partecipato 24 Stati membri e alcuni ospiti in rappresentanza del Centro comune di ricerca della Commissione europea nonché della DG Ricerca e innovazione.

Il primo giorno i partecipanti hanno dibattuto sulle conoscenze e prassi correnti prima di affrontare l’argomento delle nuove metodologie e dei nuovi strumenti per la valutazione del rischio. Il secondo giorno, seguendo l’evoluzione naturale della discussione, si è passati all’esame delle necessità e delle priorità della valutazione del rischio. I partecipanti hanno sottolineato l’importanza che ha per la rete il fatto non soltanto di occuparsi delle metodologie di valutazione del rischio per le sostanze chimiche ma di abbracciare anche altri settori che rientrano nella sfera del mandato dell’EFSA, come ad esempio la microbiologia, la salute dei vegetali e la salute degli animali.

Come primo compito, i membri si sono impegnati a esaminare in che misura le relative autorità nazionali competenti stanno attuando gli orientamenti metodologici dell’EFSA. Il risultato di quest’analisi aiuterà l’EFSA a comprendere le ragioni che determinano l’insorgere di divergenze e a creare una base per una maggiore armonizzazione in Europa.

Documentazione