Peste suina africana: essenziale la diagnosi precoce per controllarne la diffusione

Secondo gli esiti di una nuova valutazione del rischio condotta dall'EFSA, per controllare la propagazione della peste suina africana in Europa è cruciale migliorare la sorveglianza, la comunicazione e la collaborazione.

Nella valutazione, richiesta dalla Commissione europea a supporto delle misure di controllo e prevenzione della diffusione della malattia nell’Europa sud-orientale, viene stimato il suo potenziale di diffusione nell'area.

L'EFSA ha valutato la possibilità di propagazione tra i nove Paesi non colpiti dalla malattia: Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Grecia, Kosovo, Montenegro, Macedonia settentrionale, Serbia e Slovenia[1].

L'agenzia ha concluso che le probabilità di diffusione della malattia in tali Paesi entro un anno dall'introduzione sono molto elevate (tra il 66 e il 100%). Tuttavia le probabilità che la malattia si diffonda a ovest in altri Stati membri dell'UE nello stesso lasso di tempo sono ritenute molto basse (tra lo 0 e il 15%).

Le misure di controllo, in vigore nell'Unione europea dal 2014, dovrebbero continuare a essere incentrate sull'importanza della diagnosi precoce e sulla preparazione, afferma l'EFSA. Nello specifico l'agenzia raccomanda:

  • sorveglianza rigorosa (in particolare su cinghiali selvatici e suini domestici), che resta il mezzo più efficace per l'individuazione precoce della peste suina africana;
  • misure per limitare l'accesso dei cinghiali selvatici al cibo e ulteriore riduzione del numero di capi mediante la caccia;
  • campagne di sensibilizzazione per viaggiatori, cacciatori, allevatori, ecc. onde limitare il rischio di diffusione attraverso la circolazione di persone, nonché per contribuire all'individuazione precoce;
  • comunicazione e collaborazione tra le autorità nazionali e le parti interessate a supporto delle campagne di sensibilizzazione;
  • attività di formazione per ufficiali veterinari, organismi competenti e cacciatori per aumentare la probabilità di individuazione precoce e controllo efficace.
[1] La peste suina africana è stata rilevata in Serbia mentre la valutazione dell'EFSA era ancora in corso.
Per contattarci
Giornalisti e addetti stampa sono pregati di contattare direttamente il nostro ufficio stampa. In tutti gli altri casi si prega di rivolgersi al servizio "Ask EFSA".

Contatti stampa

Relazioni Stampa EFSA
Tel. +39 0521 036 149
E-mail: Press@efsa.europa.eu

Per richieste di altro tipo

Servizio "Ask EFSA"