L’EFSA completa le prime valutazioni di sicurezza degli aromatizzanti di affumicatura

Comunicato stampa
8 gennaio 2010

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha completato la prima revisione in assoluto della sicurezza di 11 aromatizzanti di affumicatura impiegati nell’Unione europea. Sulla base del lavoro dell’EFSA, la Commissione europea redigerà un elenco dei prodotti aromatizzanti di affumicatura ammessi negli alimenti.

Klaus-Dieter Jany, presidente del gruppo di esperti scientifici sugli aromatizzanti (gruppo CEF) dell’EFSA, ha affermato: “Il gruppo ha basato le proprie conclusioni sui dati limitati attualmente disponibili nonché sulle stime conservative, o prudenti, di assunzione. Il gruppo di esperti ha espresso timori quanto alla sicurezza di impiego di diversi aromatizzanti di affumicatura per i quali i livelli di assunzione potrebbero essere relativamente prossimi ai livelli suscettibili di causare effetti negativi sulla salute. Tuttavia ciò non significa necessariamente che chi consuma questi prodotti sia a rischio, poiché per prudenza le stime di consumo sovrastimano deliberatamente i livelli di assunzione”.

Per valutare la sicurezza di questi aromatizzanti di affumicatura, il gruppo di esperti scientifici CEF ha chiesto ai produttori di presentare dati sulla composizione e sulla tossicità dei loro prodotti nonché informazioni dettagliate in merito ai rispettivi impieghi previsti e ai tenori di impiego. Sulla base di queste informazioni il gruppo di esperti ha determinato il livello di assunzione più elevato al quale ciascun prodotto ha dimostrato di non causare effetti avversi sulla salute negli animali[1]. Questo livello è stato successivamente confrontato con i livelli di assunzione stimati per l’uomo, onde stabilire “margini di sicurezza” per ciascun prodotto.

Fra gli 11 aromatizzanti di affumicatura valutati dal gruppo, gli esperti hanno riscontrato che i margini di sicurezza per due[2] dei prodotti erano sufficientemente ampi da non suscitare timori sulla sicurezza, considerati gli impieghi e i tenori di impiego indicati dai produttori. Per altri otto[3] i margini inferiori di sicurezza hanno effettivamente sollevato timori sulla sicurezza e per uno di quegli aromatizzanti di affumicatura[4] il gruppo di esperti scientifici non ha potuto escludere preoccupazioni riguardo a una possibile genotossicità (danno al materiale genetico delle cellule), considerando i dati disponibili. Il gruppo di esperti non ha potuto valutare la sicurezza di un ulteriore aromatizzante di affumicatura[5] a causa della carenza di adeguati dati a disposizione.

Gli aromatizzanti di affumicatura sono prodotti che possono essere aggiunti ad alcuni alimenti, tra cui carne, pesce o formaggi, per conferire loro un aroma di “affumicato” in alternativa all’affumicatura tradizionale. Possono essere inoltre utilizzati come aromatizzanti in altri alimenti come minestre, salse, bevande e snack. Tutti gli aromatizzanti di affumicatura ora valutati dall’EFSA sono attualmente presenti, o lo sono stati in passato, sul mercato nell’Unione europea (UE).


Note per i redattori:

Il gruppo di esperti scientifici ha altresì pubblicato a parte una dichiarazione scritta sulle modalità con cui i margini di sicurezza dovrebbero essere interpretati per questi prodotti aromatizzanti di affumicatura, in cui si afferma che ciò che costituisce un margine “accettabile” di sicurezza varia da caso a caso e dipende da diversi fattori tra cui le proprietà chimiche del prodotto in questione e i dati tossicologici a disposizione. 

Per informazioni i giornalisti possono rivolgersi al servizio:
Relazioni Stampa EFSA
Tel. +39 0521 036 149
E-mail: Press@efsa.europa.eu


[1] In diversi casi non sono stati segnalati effetti avversi negli animali ai più alti livelli testati. I margini di sicurezza sono stati calcolati ricorrendo a questi livelli dal momento che non erano disponibili dati relativi ai possibili effetti a livelli superiori. In altri casi è risultato che alcuni prodotti influiscono sui reni, sulla biochimica del sangue o sul peso corporeo negli animali, a taluni livelli di assunzione.
[2] Scansmoke SEF7525 e Smoke Concentrate 809045
[3] TRADISMOKE A MAX, Scansmoke R909, Scansmoke PB 1110, SmokEz C-10, SmokEz Enviro 23,
Unismoke, Zesti Smoke Code 10.
[4] AM 01
[5] Fumokomp