Prassi di lavoro

L’ iter di elaborazione degli atti scientifici parte dal momento in cui l’EFSA riceve una richiesta di parere scientifico, o intraprende un’attività in proprio, fino al momento in cui pubblica e comunica i risultati.

Tre sono le fasi principali:

  1. Richiesta
  2. Valutazione
  3. Adozione

I. Richiesta

L'EFSA riceve richieste di consulenza scientifica principalmente dalla Commissione europea, ma anche dal Parlamento europeo e dagli Stati membri. Nella richiesta si descrive ciò che viene richiesto dall'EFSA: il problema, i termini di riferimento, la tempistica e così via.

  • Una volta ricevuta la richiesta, l'EFSA ne vaglia il contenuto, la discute con la Commissione e affronta eventuali problemi che necessitino chiarimento, come ad esempio la fattibilità entro la scadenza data. Una volta avvenute tali discussioni, l'EFSA e la Commissione concordano un mandato che stabilisce i termini di riferimento finali e la scadenza reciprocamente concordata.
  • Per le richieste di autorizzazione alla commercializzazione, l'EFSA convalida/verifica la completezza della richiesta e può richiedere ulteriori informazioni scientifiche dal richiedente.

Il mandato viene poi assegnato a uno dei gruppi di esperti scientifici dell'EFSA o al comitato scientifico e inserito nel cosiddetto Registro delle domande.

II. Valutazione

L'EFSA di solito istituisce un gruppo di lavoro di esperti per effettuare la valutazione del rischio.

  • Il gruppo di lavoro - che comprende in genere i membri del gruppo di esperti scientifici cui si aggiungono scienziati provenienti da campi specialistici - valuta le informazioni scientifiche disponibili, che possono includere anche dati forniti da Stati membri, istituti di ricerca o imprese. Se vi è necessità di dati ulteriori, il gruppo di lavoro può fare ricorso alle reti EFSA per la raccolta dati oppure pubblicare un bando per la ricerca di dati sul sito web dell'EFSA.
  • Per le richieste di autorizzazione da parte di aziende l’Autorità può richiedere ulteriori dati direttamente al richiedente, nel qual caso la scadenza fissata dal calendario normativo viene congelata finché i dati non vengano forniti.
  • Il gruppo di lavoro sviluppa una bozza e la invia al gruppo di esperti scientifici per discussione.

Per taluni atti scientifici ancora in bozza si indice una consultazione pubblica e si documentano i riscontri ricevuti nel documento aggiornato.

III. Adozione

  • La valutazione è adottata per consenso (ma i pareri di minoranza vengono verbalizzati) durante la riunione plenaria del gruppo di esperti in questione.
  • Se il gruppo di esperti non lo adotta, il documento viene rinviato al gruppo di lavoro per un ulteriore esame e per l’elaborazione di una bozza riveduta, in vista dell’adozione a una successiva riunione plenaria.

Il documento risultante  - che di solito è un parere scientifico, ma può essere anche una dichiarazione, una documento orientativo o di altro tipo - viene poi pubblicato sul sito web dell'EFSA, nella sezione riservata all’EFSA Journal, rivista scientifica online ad accesso libero e gratuito.