Contaminanti in alimenti e mangimi

I contaminanti sono sostanze chimiche non aggiunte intenzionalmente ad alimenti e mangimi che possono essere presenti in essi come risultato delle varie fasi della loro produzione, lavorazione o trasporto. Possono inoltre prodursi a seguito di contaminazione ambientale. I contaminanti possono rappresentare un rischio per la salute umana e animale.

Dal momento che la contaminazione ha di solito effetti negative sulla qualità del cibo e può comportare un rischio per la salute umana, l'UE ha adottato misure per ridurre al minimo i contaminanti nei prodotti alimentari.

Sono state messe in atto misure contro i seguenti contaminanti: micotossine (aflatossine, ocratossina A, fusariotossine, patulina), metalli (cadmio, piombo, mercurio, stagno inorganico), diossine e PCB, idrocarburi policiclici aromatici (IPA), 3-MCPD e nitrati).

La principale normativa in tale ambito è contenuta nei seguenti regolamenti:

La Commissione europea ha pubblicato una scheda informativa sui contaminanti negli alimenti:

L’EFSA effettua valutazioni del rischio in merito a una vasta gamma di prodotti chimici eventualmente presenti in alimenti o mangimi a seguito della loro produzione, distribuzione, impacchettamento o consumo, così come i prodotti che possono essere presenti nell'ambiente naturalmente o come risultato di attività umana. Questo lavoro viene svolto dal gruppo di esperti scientifici dell’EFSA sui contaminanti nella catena alimentare.

L’Autorità raccoglie anche i dati relativi alla presenza di contaminanti negli alimenti e nei mangimi e collabora al processo di coordinamento della raccolta e della verifica dei dati da parte degli Stati membri.

 

Contaminanti da processo

Tossine naturali

Inquinanti ambientali

I metalli sono un  importante gruppo di contaminanti riscontrabili in natura, presenti in alimenti e mangimi solitamente in conseguenza di attività umane.

L'EFSA fornisce consulenza scientifica e svolge valutazioni del rischio, raccoglie dati e conduce attività di monitoraggio, oltre a prestare assistenza tecnica sulle sostanze chimiche negli alimenti e nei mangimi. I gestori del rischio dell'Unione europea utilizzano tale consulenza e assistenza per prendere decisioni in merito alla sicurezza di queste sostanze per la salute di uomini, animali e piante.

Ultimo aggiornamento: 11 dicembre 2014