Le indicazioni sulla salute riferite ai fitosteroli in merito alla riduzione del colesterolo nel sangue possono ora essere giudicate in base alla nuova consulenza scientifica dell’EFSA

Gli esperti dell’EFSA hanno concluso che alimenti come yogurt e margarina contenenti determinati livelli di steroli e stanoli vegetali possono ridurre i livelli di colesterolo nel sangue. Questa consulenza contribuirà ora a fornire un ulteriore orientamento alla Commissione europea e agli Stati membri nell’ambito di qualsiasi futura autorizzazione per queste indicazioni sulla salute.

Il professor Albert Flynn -presidente del gruppo di esperti scientifici sui prodotti dietetici, l’alimentazione e le allergie (gruppo NDA) dell’EFSA- ha dichiarato: “L’EFSA ha identificato l'assunzione giornaliera di steroli e stanoli vegetali necessaria per ottenere una riduzione significativa del colesterolo, nonché il tempo necessario affinché tale dose sia efficace. Abbiamo inoltre esaminato quale tipo di alimenti è più indicato per ottenere questo effetto.

“Questa consulenza sarà di aiuto alla Commissione europea e agli Stati membri per valutare l’autorizzazione di specifiche indicazioni sulla salute e contribuirà in definitiva a garantire che i consumatori non ricevano informazioni fuorvianti sulle basi scientifiche di tali indicazioni”.

Gli scienziati del gruppo di esperti scientifici NDA hanno affermato in un parere che il colesterolo nel sangue può essere ridotto in media dal 7 al 10,5% consumando da 1,5 a 2,4 grammi di steroli e stanoli vegetali al giorno. Gli scienziati hanno rilevato che l’effetto è generalmente accertato entro le prime 2-3 settimane. Gli studi, riferiti a periodi che arrivano a 85 settimane, mostrano che l’effetto potrebbe perdurare per tutto il periodo in esame.

Il gruppo di esperti scientifici NDA ha inoltre concluso che alimenti come yogurt e latte, inclusi formaggio e yogurt a basso contenuto di grassi, creme tipo margarina, maionese, condimenti per insalata e altri prodotti lattiero-caseari sono i più indicati per apportare all’organismo l'effetto ipocolesterolemizzante derivante da steroli e stanoli vegetali. Per altri alimenti le informazioni non erano disponibili, oppure tali alimenti si sono rivelati meno efficaci per ridurre i livelli di colesterolo nel sangue.

Notes to editors

Che cosa sono gli steroli e gli stanoli vegetali?
Gli steroli e gli stanoli vegetali sono presenti in quantità ridotte in numerosi frutti, ortaggi, oli vegetali, frutta a guscio, semi, cereali e legumi. Gli steroli e gli stanoli vegetali vengono talvolta aggiunti ad alimenti come yogurt, margarine e bevande a base di yogurt per contribuire a diminuire il colesterolo. Gli steroli e gli stanoli vegetali agiscono bloccando l’assorbimento del colesterolo nell’intestino tenue e diminuendo i livelli nel sangue delle lipoproteine a bassa densità (LDL), spesso chiamato “colesterolo cattivo”. Il colesterolo LDL è chiamato colesterolo “cattivo” perché livelli elevati di colesterolo LDL sono legati a un aumento del rischio di cardiopatie coronariche (CHD).

Attività correlate dell’EFSA in questo settore
Finora l’EFSA ha emesso tre pareri in merito alle richieste di autorizzazione per steroli e stanoli vegetali in conformità con l’articolo 14 del regolamento relativo alle indicazioni nutrizionali e sulla salute.

La Commissione europea ha chiesto all’EFSA di raccogliere e analizzare i dati provenienti da tutta l’Unione europea relativi al consumo di steroli e stanoli vegetali. A marzo 2008 è stato pubblicato un rapporto che presenta i risultati del lavoro dell’unità Raccolta dati ed esposizione dell’EFSA.

Media contacts

Relazioni Stampa EFSA
Tel. +39 0521 036 149
E-mail: Press@efsa.europa.eu