Come lavoriamo

La maggior parte del lavoro dell'EFSA viene intrapreso in risposta a richieste di consulenza scientifica della Commissione europea, del Parlamento europeo e degli Stati membri dell'UE.

Intraprendiamo lavori scientifici anche di nostra iniziativa. Tale processo è noto come “autoassegnazione”.

  • L'EFSA dispone il proprio programma di lavoro - annuale e pluriennale - in base a priorità concordate con la Commissione europea e altri partner, tenuto conto delle risorse disponibili.
  • Indiciamo frequenti consultazioni per garantire che il nostro programma integri quello dei nostri partner - in particolare quello delle autorità nazionali di sicurezza alimentare degli Stati membri dell'UE - e per evitare sovrapposizioni e duplicazioni di lavoro e sforzi.
  • La consulenza scientifica dell'EFSA è fornita per lo più dai gruppi di esperti scientifici e dal comitato scientifico, i cui membri vengono nominati con pubblica procedura di selezione.
  • Anche il personale EFSA può elaborare atti scientifici per conto dell'agenzia, per esempio revisioni tra pari di sostanze attive nei pesticidi, o risposte a richieste di consulenza urgente. Il personale dell'EFSA monitora e analizza informazioni sui dati su pericoli biologici, contaminanti chimici, consumo di alimenti e rischi emergenti.

L'EFSA aderisce a una serie di principi e prassi al fine di garantire l'eccellenza del proprio operato. Tali principi comprendono:

  • L’impegno all'apertura e alla trasparenza.
  • Lo sviluppo di un corpus di buone prassi di valutazione del rischio a guida dei nostri esperti del comitato e dei gruppi scientifici.
  • Un sistema di garanzia della qualità che monitora e rafforza costantemente la qualità dell’operato scientifico dell’EFSA. Ciò comprende un sistema di auto-revisione che garantisce che tutta la produzione scientifica venga sviluppata in maniera omogenea dai gruppi di esperti scientifici e dal personale EFSA.
  • Un’attenta attività di revisione e controllo condotta da un revisore interno sotto la supervisione di un comitato di controllo, che consiglia i quadri dirigenti sulle possibili migliorie alle prassi di lavoro.
  • La valutazione esterna: Il regolamento istitutivo dell'EFSA obbliga l'Autorità a commissionare valutazioni esterne indipendenti del proprio operato e delle proprie prassi di lavoro. Sulla base di tali valutazioni il consiglio di amministrazione formula raccomandazioni sui futuri piani di gestione e le strategie dell'EFSA.

Inoltre l'Autorità è giuridicamente vincolata dalla legislazione dell'Unione europea su questioni come l'accesso del pubblico ai propri documenti interni.