Indicazioni su riduzione dei rischi di malattia e sviluppo o salute dei bambini ai sensi dell'art. 14

Le indicazioni di cui all’articolo 14 del Regolamento comunitario relativo alle indicazioni nutrizionali e sulla salute si riferiscono alla riduzione dei rischi di malattia e allo sviluppo e alla salute dei bambini. Nell’agosto 2008 l’EFSA ha adottato la sua prima serie di pareri sulle indicazioni di cui all’articolo 14.

I pareri pubblicati dall’EFSA forniscono informazioni sulla giustificazione scientifica delle indicazioni sulla salute oggetto di una domanda alla Commissione europea e agli Stati membri, cui spetta successivamente il compito di decidere se autorizzare tali indicazioni prima che siano utilizzate sugli alimenti etichettati e pubblicizzati.

Le domande vengono trasmesse all’EFSA dalle autorità competenti degli Stati membri. L’EFSA verifica la completezza della domanda rispetto al documento orientativo per la preparazione e la presentazione delle domande di autorizzazione. Scopo di questo documento è aiutare i richiedenti a preparare e a presentare le domande di autorizzazione all’uso delle indicazioni sulla salute di cui all’articolo 14. Esso contiene istruzioni relative a:

  • formato: per garantire che la domanda sia ben strutturata;
  • contenuto: indicazione delle informazioni e i dati obbligatori/facoltativi;
  • criteri per la giustificazione: aspetti principali da descrivere per giustificare un’indicazione sulla salute.

L’EFSA è tenuta a fornire i suoi pareri entro cinque mesi dalla data del controllo della completezza della domanda. Se, durante la fase di valutazione, sono necessarie ulteriori informazioni da parte del richiedente, il conto alla rovescia può fermarsi e l’EFSA ha a disposizione altri due mesi per esaminare la domanda.

Le richieste di autorizzazione di cui all’art 14, presentate all’EFSA, vengono incluse nel Registro delle domande, con indicazione della sostanza alimentare di interesse e dell’effetto rivendicato. Ad oggi il gruppo di esperti scientifici NDA ha ricevuto 268 richieste, 103 di esse sono state ritirate e 75 pareri scientifici riferiti sono stati adottati.