Risultati di una nuova ricerca sulla percezione dei rischi legati all’alimentazione da parte dei consumatori dell’UE

La maggior parte degli europei associa gli alimenti e il loro consumo al piacere. Secondo una nuova indagine di Eurobarometro, pubblicata oggi, chi ha timori riguardo a possibili rischi legati all’alimentazione tende a essere preoccupato più per la contaminazione da sostanze chimiche che per la contaminazione batterica o per aspetti sanitari e nutrizionali. Dal sondaggio è anche emerso che la maggioranza degli europei ha fiducia nelle autorità nazionali e nell’Autorità europea per la sicurezza alimentare quali fonti di informazioni su potenziali rischi legati agli alimenti.

“Comprendere la percezione dei rischi da parte dei consumatori è determinante per fornire comunicazioni tempestive, chiare ed efficaci riguardo alla sicurezza alimentare. I risultati dell’indagine di Eurobarometro evidenziano l’importanza dell’attività dell’EFSA e ribadiscono il ruolo dell’Autorità come fonte affidabile di informazioni. In futuro, l’EFSA utilizzerà gli insegnamenti tratti dall’indagine per configurare le proprie attività nel campo delle comunicazioni”, ha affermato Catherine Geslain-Lanéelle, direttore esecutivo dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare.

Interrogati sulla loro percezione in merito all’alimentazione, la maggioranza degli interpellati ha associato in larga misura gli alimenti e il loro consumo a un senso di piacere derivante, per esempio, dal fatto di scegliere cibi freschi e saporiti (58%) o di godersi un pasto in compagnia di familiari e amici (54%). Meno della metà degli intervistati (44%) ha posto l’accento su aspetti quali cercare prezzi accessibili e soddisfare la fame, e un numero ancora inferiore ha manifestato preoccupazione per la sicurezza alimentare (37%) o questioni nutrizionali come il controllo delle calorie e dei nutrienti (23%).

Per quanto riguarda altri rischi che potrebbero riguardarli personalmente, i cittadini dell’UE hanno indicato prevalentemente la crisi economica (20%) e l’inquinamento ambientale (18%) quali fattori che con molta probabilità incideranno sulla loro vita, rispetto all’eventuale rischio di danni alla salute causati dall’alimentazione (11%).

Preoccupazioni pubbliche circa i rischi legati all’alimentazione
La maggior parte degli interpellati non ha menzionato spontaneamente alcuna delle preoccupazioni diffuse sui rischi legati all’alimentazione (il 19% ha citato le sostanze chimiche, i pesticidi e altre sostanze come le maggiori preoccupazioni, mentre uno su 10 ha risposto che non esisteva alcun problema riguardo al cibo). Di fronte a un elenco di problemi potenziali associati agli alimenti, gli intervistati hanno indicato come rischi di cui essere “molto preoccupati” i residui chimici di pesticidi in frutta, verdura e cereali (31%, con un aumento di 3 punti percentuali rispetto al 2005), gli antibiotici o gli ormoni nella carne (30%, con un incremento di 3 punti rispetto al 2005), la clonazione di animali per i prodotti alimentari (30%) e le sostanze inquinanti come il mercurio nel pesce e le diossine nel maiale (29%, con una crescita di 3 punti rispetto al 2005). Un numero minore di intervistati ha affermato di essere “molto preoccupato” per la contaminazione alimentare da batteri (23%) e una quota ancora inferiore per possibili rischi nutrizionali come aumentare di peso (15%) o non seguire una dieta sana/equilibrata (15%).

Fiducia pubblica nelle fonti di informazione sui rischi legati all’alimentazione
Nell’ambito dell’indagine i cittadini dell’UE hanno espresso il massimo livello di fiducia nelle informazioni ricevute da medici e altri operatori sanitari (84%), seguiti da famiglia e amici (82%), associazioni dei consumatori (76%), scienziati (73%) e gruppi per la protezione ambientale (71%). Le autorità nazionali e l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e le istituzioni dell’UE hanno ottenuto un livello relativamente elevato di fiducia, pari rispettivamente al 64% e al 57%, mentre i governi nazionali si sono attestati al 47%.

Interrogati sul modo in cui reagiscono alle informazioni su questioni legate all’alimentazione fornite dagli organi di comunicazione o su Internet, circa la metà degli interpellati ha dichiarato di ignorare le notizie o di preoccuparsene senza tuttavia modificare le proprie abitudini alimentari. Sembra che la tendenza a non considerare le informazioni su aspetti inerenti dieta e salute (29%) sia più forte di quella a trascurare i rischi associati alla sicurezza alimentare (24%).

Sistema di sicurezza alimentare dell’UE: i consumatori si sentono protetti
Esiste un ampio consenso sul fatto che le autorità pubbliche si adoperano in misura considerevole per assicurare la sicurezza alimentare in Europa, agiscono rapidamente, basano le loro decisioni su riscontri scientifici e fanno un buon lavoro nell’informare i cittadini sui rischi legati agli alimenti. Il livello di accordo è più elevato di quello registrato nel 2005. Quanto all’indipendenza delle consulenze scientifiche e delle autorità pubbliche da altri interessi, le opinioni sono più discordanti. Mentre il 46% degli interpellati conviene sul fatto che le autorità pubbliche dell’UE considerano la salute dei cittadini più importante dei profitti dei produttori (7 punti percentuali in più rispetto al 2005), il 42% non condivide tale affermazione e il 12% afferma di non saperlo. Più dell’81% degli intervistati ritiene che le autorità pubbliche dovrebbero fare di più per assicurare che gli alimenti siano sani e per fornire informazioni su regimi alimentari e stili di vita sani.

“L’indagine ci fornisce un quadro molto interessante di ciò che gli europei pensano attualmente degli alimenti e dei rischi potenziali ad essi associati, e siamo lieti di poter condividere i risultati con i nostri colleghi degli Stati membri dell’UE” ha affermato Anne-Laure Gassin, direttore della comunicazione dell’EFSA. “È anche positivo constatare che gli alimenti siano associati al piacere, che l’attività delle autorità nazionali e dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare sia valutata positivamente e, in particolare, che gli scienziati siano in generale considerati come fonti affidabili di informazioni.”

I risultati dell’indagine di Eurobarometro saranno un’importante risorsa per lo svolgimento di ulteriori ricerche sulla relazione tra fiducia nelle fonti di informazione, fiducia nelle autorità pubbliche e percezione dei rischi legati all’alimentazione.


La versione integrale della relazione in inglese e le singole schede dei Paesi nelle 23 lingue ufficiali di riferimento per l’UE sono disponibili alla pagina 2010 Eurobarometer survey report on risk perception in the EU

Comunicati stampa

[BG] Резултати от новото проучване за представите на потребителите в ЕС относно рискове, свързани с храните(149.85 KB)
[CS] Nové výsledky výzkumu vnímání rizik spjatých s potravinami ze strany spotřebitelů v Evropské unii(177.03 KB)
[DA] Nye forskningsresultater om EU-forbrugernes opfattelser af fødevarerelaterede risici(27.88 KB)
[DE] Neue Forschungsergebnisse über das Bewusstsein der Verbraucher in der EU über Risiken im Lebensmittelbereich(30.81 KB)
[EL] Τα αποτελέσματα νέας έρευνας σχετικά με τις αντιλήψεις των Ευρωπαίων καταναλωτών για τους διατροφικούς κινδύνους(186.27 KB)
[EN] New research results on EU consumers’ perceptions of food-related risks(28.37 KB)
[ES] Nuevos resultados de la investigación sobre la percepción de los riesgos relacionados con los alimentos entre los consumidores europeos(29.72 KB)
[ET] ELi tarbijate arusaamad toiduga seotud ohtudest: värsked uurimistulemused(29.01 KB)
[FI] Uutta tutkimustietoa kuluttajien käsityksistä ruokaan liittyvistä riskeistä EU:ssa(29.24 KB)
[FR] Nouveaux résultats de recherches sur les perceptions des risques liés aux aliments chez les consommateurs de l’UE(32.4 KB)
[GA] Torthaí taighde nua ar bhraistintí tomhaltóirí an AE i dtaca le rioscaí i ndáil le bia(30.59 KB)
[IT] Risultati di una nuova ricerca sulla percezione dei rischi legati all’alimentazione da parte dei consumatori dell’UE(30.43 KB)
[LT] Naujo tyrimo, kaip ES vartotojai suvokia su maistu susijusius pavojus, rezultatai(135.09 KB)
[LV] Jauni pētījumu rezultāti par risku, kas ES patērētāju uztverē saistīts ar pārtikas produktiem(176.69 KB)
[HU] Az uniós fogyasztók élelmiszerekkel kapcsolatos kockázatokat érintő vélekedéseiről szóló új kutatási eredmények(129.83 KB)
[MT] Riżultati ta’ riċerka ġdida dwar il-perċezzjonijiet tal-konsumaturi ta’ riskji marbuta mal-ikel(173.4 KB)
[NL] Hoe kijken de consumenten in de EU aan tegen voedselgerelateerde risico’s? Nieuwe onderzoeksresultaten(29.31 KB)
[PL] Wyniki nowego badania opinii na temat zagrożeń związanych z żywnością wśród konsumentów w UE(143.39 KB)
[PT] Resultados do novo inquérito sobre a percepção dos consumidores da UE acerca dos riscos associados aos alimentos(44.03 KB)
[RO] Noi rezultate ale cercetării referitoare la percepţiile consumatorilor cu privire la riscurile legate de produsele alimentare(172.17 KB)
[SK] Nové výsledky výskumu o vnímaní rizík spojených s potravinami zo strany spotrebiteľov v EÚ(173.63 KB)
[SL] Rezultati nove raziskave o potrošnikovem dojemanju tveganj v zvezi s hrano v EU(126.91 KB)
[SV] Nya forskningsresultat om EU-konsumenternas uppfattning om livsmedelsrelaterade risker(29.06 KB)

Note per i redattori

Il sondaggio, richiesto dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA), è stato il secondo di questo tipo in cinque anni. Gli obiettivi della ricerca erano approfondire la conoscenza delle preoccupazioni dei consumatori riguardo agli alimenti e ai rischi associati alla catena alimentare e stabilire il livello di fiducia dei consumatori nelle autorità pubbliche per questioni correlate alla sicurezza alimentare.

L’indagine è stata condotta su un campione rappresentativo di 26 691 persone, di età pari o superiore a 15 anni, in tutti i 27 Stati membri. Si è svolto dal 9 al 30 giugno 2010 mediante interviste a contatto diretto con i consumatori nella loro lingua madre. Le risposte degli intervistati rappresentano le opinioni di più di 500 milioni di consumatori europei. Ne consegue che un valore dell’1% esprime le opinioni di 5 milioni di consumatori. Anche piccole percentuali riflettono quindi le opinioni di un elevato numero di persone. Il sondaggio è stato effettuato da TNS Opinion & Social network.

Massime preoccupazioni negli Stati membri

Residui di pesticidi in frutta, verdura e cereali – è nel complesso la massima preoccupazione in 12 Stati membri: Grecia (91%), Lituania (88%), Italia (85%), Lussemburgo (85%), Bulgaria (84%), Ungheria (84%), Francia (80%), Malta (77%), Slovenia (75%), Germania (75%), Belgio (72%), Austria (67%).

Qualità e freschezza dei cibi – è la massima preoccupazione nei seguenti paesi: Lettonia (94%), Lituania (88%), Portogallo (86%), Spagna (80%), Danimarca (77%), Malta (77%), Estonia (74%), Irlanda (66%).

Benessere degli animali d’allevamento – è la massima preoccupazione nei seguenti paesi: Svezia (74%), Finlandia (66%), Regno Unito (67%).

Intossicazione alimentare da batteri come la salmonella nelle uova o la listeria nel formaggio – è la massima preoccupazione nei seguenti paesi: Bulgaria (84%), Repubblica ceca (77%), Slovacchia (72%).

Additivi come coloranti, conservanti o aromi utilizzati in alimenti o bevande – sono la massima preoccupazione nei seguenti paesi: Polonia (79%), Romania (70%).

Residui come antibiotici o ormoni nella carne – sono la massima fonte di preoccupazione nei seguenti paesi: Cipro (99%), Paesi Bassi (63%).

Gli interpellati francesi hanno espresso preoccupazione su sostanze inquinanti come il mercurio nella misura dell’80%, lo stesso livello di preoccupazione registrato in Francia per i residui di pesticidi. In Austria, gli intervistati hanno manifestato pari preoccupazione riguardo a due aspetti, ossia i pesticidi e gli OGM, che hanno raggiunto entrambi un livello del 67%.

Media contacts

Relazioni Stampa EFSA  
Tel. +39 0521 036 149
E-mail: Press@efsa.europa.eu