Valutare l’allergenicità delle piante GM: il parere dell’EFSA nelle sue nuove linee guida

L’EFSA ha pubblicato linee guida integrative sull’allergenicità per rafforzare ulteriormente la valutazione del rischio da piante geneticamente modificate (GM). Il documento tiene conto di nuovi sviluppi scientifici e normativi, e integra le raccomandazioni contenute nella regolamentazione e nelle linee guida esistenti.

Quali sono i punti principali?

Le nuove linee guida fanno riferimento in particolare a tre aree.

Le reazioni immunitarie avverse agli alimenti non mediate da IgE comprendono una vasta gamma di malattie, la maggior parte delle quali si manifesta durante l’infanzia. La celiachia è attualmente la meglio caratterizzata di tali malattie e pertanto la sola di questo genere trattata nelle linee guida, che forniscono consigli specifici su come valutare il rischio posto dalle nuove proteine espresse nelle piante GM che causano la celiachia.

I test di digeribilità in vitro forniscono informazioni preziose su come si comporta una proteina di nuova creazione in una pianta GM durante la digestione, una parte importante della valutazione complessiva della sicurezza. Le nuove linee guida suggeriscono migliorie alle modalità di esecuzione dei test in vitro e propongono di valutarne il valore aggiunto nel corso di un periodo di transizione di durata biennale.

La valutazione dell’allergenicità endogena garantisce che la modifica genetica non condizioni negativamente i livelli di allergeni esistenti nella pianta GM rispetto alla sua controparte convenzionale. Queste linee guida forniscono dettagliate informazioni aggiuntive su come soddisfare tale prescrizione.

Conclusione positiva del progetto pilota

La pubblicazione delle presenti linee guida porta a felice conclusione un progetto pilota di durata biennale. Obiettivo dell’EFSA era aumentare il coinvolgimento dei portatori d’interesse nei suoi processi scientifici nell’ambito dell’iniziativa "Un’EFSA aperta".

Un gruppo di discussione di otto membri ha agito da organo consultivo durante l’intera elaborazione di questo documento. Tutte le parti coinvolte hanno concordato che il processo scientifico ha tratto vantaggio da questo approccio inclusivo.

Note per i redattori:

L’immunoglobina E (IgE) è un tipo di anticorpo prodotto dal sistema immunitario in risposta a un allergene. Le reazioni immunitarie non mediate da IgE sono quelle in cui sono coinvolti altri mediatori dell’organismo.

Media contacts

Relazioni Stampa EFSA
Tel. +39 0521 036 149
E-mail: Press@efsa.europa.eu