Retrospettiva su EFSA@EXPO: Cosa riserva il futuro alla valutazione scientifica?

La sessione inaugurale ha inquadrato il contesto della conferenza. Qual è il ruolo della consulenza scientifica per lo sviluppo delle politiche nel contesto del processo decisionale nella società? I quattro relatori si sono soffermati sui recenti sviluppi che influiscono su come la valutazione scientifica viene condotta al giorno d’oggi.  I temi sollevati in questa sessione hanno fornito la base delle discussioni che hanno avuto luogo nelle sessioni parallele dei due giorni successivi.

Come può la storia aiutarci ad affrontare la sicurezza alimentare al giorno d’oggi? 

Sheila Jasanoff dell'Università di Harvard ha iniziato la sua relazione evidenziando che la sicurezza dei cibi e delle bevande è una delle più antiche preoccupazioni dell'umanità, e riferimenti al tema si trovano anche nella Bibbia. Quale insegnamento può trarre l'odierno metodo scientifico di valutazione della sicurezza alimentare dall’esperienza storica, si è chiesta. Jasanoff poi ha esaminato quattro principi guida che dovrebbero essere alla base della valutazione scientifica della sicurezza alimentare. Guardate il video dove spiega tale approccio.

Scienza e innovazione in opposizione a democrazia e valori pubblici 

Il cambiamento climatico, le pressioni ambientali, l'aumento della popolazione, i mutamenti nella dieta e la globalizzazione rappresentano il contesto in cui si svolgono i dibattiti attuali sulla gestione del rischio nel campo della sicurezza alimentare. Secondo Andrew Stirling, dell'Università del Sussex, i protagonisti di questo dibattito affermano l’esistenza di un’evidente tensione tra scienza e innovazione da un lato, e democrazia e valori pubblici dall'altro. Stirling ha sostenuto che tali affermazioni sono fuorvianti, scoraggiano un franco dibattito politico e ostacolano l'efficacia sociale dell'innovazione. Cosa si può dunque fare per affrontare le sfide odierne? 

Traslare la scienza in politica: un esempio

La seconda parte della sessione plenaria di apertura ha posto le basi per approfondimenti pratici sulla trasposizione della scienza in politica.  Nigel Walker dei National Institutes of Health degli Stati Uniti ha mostrato come la ricerca scientifica condotta presso il National Toxicology Program statunitense (NTP) abbia avuto un influsso sullo sviluppo delle politiche nel corso degli ultimi tre decenni. Ha anche introdotto nuovi approcci nel lavoro dello NTP, illustrato dall'esempio di Tox21, un progetto per lo sviluppo di metodi migliori e più efficienti per valutare la tossicità. 

Contestualizzare la scienza

"Il nostro cibo è straordinariamente sicuro", è stata la formula di apertura di Sir Mark Walport, consulente scientifico di grado superiore del governo britannico. Ha aggiunto l'avvertenza che "Più si diventa sicuri, più si diventa avversi ai rischi" prima di condividere alcune delle sue esperienze riguardanti il supporto scientifico allo sviluppo di politiche efficaci. Rivisitando molti dei punti di discussione precedenti, Sir Walport ha sottolineato l'importanza di contestualizzare la scienza. Ha definito il rischio una questione sociale che necessita di una conversazione più allargata per aiutarci a capire valori, vantaggi e punti di vista diversi. 

Media contacts

Relazioni Stampa EFSA
Tel. +39 0521 036 149
E-mail: Press@efsa.europa.eu