Appello per la creazione di una rete europea di ricerca che affronti il problema della perdita di api

Occorre con urgenza una cooperazione più intensa tra agenzie UE, Stati membri e ricercatori dell’UE per una migliore comprensione di come i fattori multipli di stress danneggino la salute delle api. E’ questa una delle conclusioni di una relazione pubblicata oggi dall’EFSA, che propone anche la creazione di una banca dati di ricerca centralizzata, ad accesso libero, per sostenere lo sviluppo di un approccio olistico alla valutazione dei fattori di stress per le api.

Svariate organizzazioni europee sono al momento coinvolte in progetti di ricerca correlati alla salute delle api, ma il loro lavoro è talvolta disorganico e tende a sovrapporsi. Una collaborazione più stretta contribuirebbe a eliminare sovrapposizione dei lavori, a individuare le priorità di ricerca, a concordare nuove metodologie e a condividere gli sviluppi tecnologici, spiega la relazione. L’EFSA propone la creazione di una rete che comprenda il gruppo interservizi per le api della Commissione europea; il laboratorio europeo di riferimento per la salute delle api; organismi degli Stati membri quali l’agenzia francese per la sicurezza alimentare ANSES; altre agenzie dell’UE, come l'Agenzia europea per i medicinali (EMA); e organizzazioni internazionali.

Quella della rete è una delle raccomandazioni formulate in una rassegna preparata dall’EFSA sul lavoro di valutazione del rischio per le api, svolto a livello UE. L’obiettivo della relazione, compilata in collaborazione con la Commissione europea e gli Stati membri, è evidenziare le lacune nelle conoscenze e suggerire una ricerca in grado di sostenere lo sviluppo di un modello armonizzato di valutazione del rischio ambientale per le api.

La dott.ssa Agnès Rortais, biologa e scienziata dell’EFSA esperta in materia di api, afferma: “La nostra analisi evidenzia che in Europa l’attività di ricerca correlata alla salute delle api è consistente, ma non sempre bilanciata tra le discipline e talvolta soggetta a sovrapposizioni. Ad esempio è carente il lavoro su api diverse da quelle mellifere e anche per le api mellifere gli studi si sono concentrati solo su alcune sottospecie, mentre esiste in Europa un’ampia diversità con adattamenti locali. Vi è inoltre una carenza di ricerca sulla riproduzione delle api regine e dei fuchi.

“Abbiamo inoltre rilevato la scarsità di progetti legati alla valutazione del rischio da fattori multipli di stress per le api, anche se sappiamo che nel loro ambiente naturale le api sono sottoposte a svariati di essi, e vi è necessità urgente di comprendere meglio come si combinino e interagiscano tali fattori”.

Un’iniziativa importante in quest’area è un gruppo di lavoro dedicato, costituito di recente dall’ANSES, per l’analisi dei dati sull’esposizione delle api a fattori di stress, quali patogeni, organismi nocivi, pesticidi e medicinali veterinari, e il riesame della letteratura scientifica sulle interazioni tra questi fattori. L’EFSA partecipa al gruppo dell’ANSES e ha dato inoltre il suo contributo a un seminario organizzato dal progetto salute e benessere degli animali (ANIHWA) dell’UE, avviato per favorire il coordinamento dei programmi di ricerca nazionali sulla salute e benessere degli animali da reddito, tra cui le api.

Aggiunge la dott.ssa Rortais: “La nostra analisi ci dice che gli Stati membri e la Commissione sono stati coinvolti più dell’EFSA nella ricerca degli effetti dei fattori di stress biologici per le api, mentre per quanto riguarda i fattori di stress chimici i ruoli sono invertiti. È opportuno quindi combinare i rispettivi campi di competenza professionale, con l’obiettivo di sviluppare un approccio per la valutazione degli effetti combinati di tali fattori di stress”.

L’EFSA ha raccomandato inoltre la creazione di una banca dati centralizzata, ad accesso libero, d’informazioni e metodi utilizzabili per valutare i rischi derivanti da fattori singoli e multipli di stress. Sono state sviluppate diverse banche dati per promuovere la condivisione delle informazioni, ma non esiste un registro unico accessibile al pubblico.

L’EFSA terrà una breve presentazione sulla relazione alla Conference for Better Bee Health, ospitata dalla Commissione europea a Bruxelles il 7 aprile 2014.

Media contacts

Relazioni Stampa EFSA  
Tel. +39 0521 036 149
E-mail: Press@efsa.europa.eu