L’EFSA pubblica studi originali dell’industria sull’aspartame

Comunicato stampa
24 novembre 2011

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha potuto accedere a oltre 600 insiemi di dati per la sua nuova, esaustiva valutazione del dolcificante artificiale aspartame, il cui completamento è previsto nel settembre 2012. Ribadendo il proprio impegno all’ apertura e trasparenza, l’EFSA ha pubblicato l’intero elenco di studi che le sono stati messi a disposizione. L’Autorità ha inoltre divulgato dati scientifici mai pubblicati prima, come i 112 studi originali sull’aspartame presentati a supporto della domanda di autorizzazione dell’aspartame in Europa agli inizi degli anni Ottanta.

In esito a un pubblico bando emanato per ricevere dati scientifici sull’aspartame e conclusosi il 30 settembre 2011, l’EFSA ha ottenuto l’accesso a un vasto numero di studi e di insiemi di dati scientifici pubblicati e non. Attualmente l’EFSA sta effettuando la disamina di tali contributi in vista della valutazione del rischio dell’aspartame usato tanto in alimenti e bevande quanto come dolcificante da tavola.

Oltre alle informazioni e ai dati grezzi divulgati quest’oggi sul sito web dell’EFSA, è prevista la divulgazione in versione scaricabile di ulteriori dati e studi scientifici pubblicati e non, una volta che l’Autorità li abbia ricevuti integralmente e abbia avuto conferma della loro non riservatezza.

Al momento l’EFSA non ha ancora concluso la sua nuova, integrale valutazione della sicurezza dell’aspartame. Tuttavia, nel corso degli anni, l’Autorità ha svolto una mole notevole di lavoro sull’aspartame e ha regolarmente provveduto a riesaminare nuovi studi pubblicati in materia. Nel maggio 2011 l’EFSA ha accettato una richiesta della Commissione europea di anticipare dal 2020 a settembre 2012 la data di scadenza della nuova, integrale valutazione prevista per questo dolcificante artificiale. Una volta terminata, nel 2012, la valutazione EFSA dei rischi associati all’aspartame sarà la più esaustiva e aggiornata disponibile.

Conscia del livello di interesse suscitato da tale lavoro, l’EFSA terrà il pubblico informato dei progressi a scadenze importanti del processo di valutazione del rischio.


Premessa
L’aspartame è un dolcificante ipocalorico e intenso. Viene utilizzato in tutto il mondo in un determinato numero di prodotti alimentari come bevande, dessert, caramelle, prodotti lattiero-caseari, gomme da masticare, prodotti a ridotto tenore calorico e per la riduzione del peso corporeo nonché come dolcificante da tavola. Negli anni Ottanta l’aspartame venne autorizzato negli alimenti e come dolcificante da tavola da numerosi Stati membri dell’UE. Nel 1994, in seguito a valutazioni sulla sicurezza effettuate nel 1984 e nel 1988 dal comitato scientifico per l’alimentazione umana (CSA), fu introdotta la legislazione europea che ne armonizzò l’uso nei prodotti alimentari.

Per informazioni i giornalisti possono rivolgersi al servizio:
Relazioni Stampa EFSA
Tel. +39 0521 036 149
E-mail: Press@efsa.europa.eu