Esposizione professionale ai pesticidi: stato attuale delle conoscenze e prospettive per la prevenzione e protezione

News Story - Maisons-Alfort, Francia
28 ottobre 2014

 

Documenti e presentazioni

L’ANSES, l’Agenzia francese per la sicurezza alimentare e l’EFSA, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, hanno organizzato una conferenza congiunta sull’esposizione professionale ai pesticidi. L’evento, che si è tenuto il 28 e 29 ottobre, ha rappresentato l’occasione per fare il punto sugli sviluppi tecnici e scientifici in materia di pesticidi e per discutere delle sfide e prospettive per il futuro della valutazione, della prevenzione e della protezione. In occasione del seminario sono stati presentati il recente parere dell’Anses sull’efficacia dei dispositivi di protezione individuale per gli addetti all’applicazione dei prodotti fitosanitari e il documento EFSA contenente linee guida per la valutazione del rischio per operatori e lavoratori derivante dall’esposizione ai pesticidi. La conferenza è terminata con una tavola rotonda in cui si è dibattuto delle misure di prevenzione da mettere in atto, alla luce delle conoscenze e delle prassi correnti per ridurre al minimo l’esposizione professionale ai prodotti fitosanitari.

L’Anses e l’EFSA hanno mandati complementari di valutazione del rischio nel quadro della legislazione europea sui prodotti fitosanitari. Le due agenzie desideravano pertanto organizzare una conferenza per esaminare le conoscenze attuali in merito all’esposizione professionale ai pesticidi e pianificare azioni congiunte, volte a migliorare la prevenzione dei rischi legati all’esposizione.

Scienziati francesi e di altri Paesi sono stati invitati a presentare vari argomenti, tra i quali: il contributo dell’epidemiologia alla comprensione degli effetti dei pesticidi sulla salute; il miglioramento delle conoscenze sull’esposizione ai pesticidi e sulle metodologie di valutazione; e l’impatto dei fattori tecnici e umani sui livelli di esposizione ai pesticidi.

Presentazione dei risultati dei nuovi studi e lavori

La conferenza ha fornito l’opportunità di riesaminare due recenti pubblicazioni: l’ANSES ha illustrato i dettagli del suo parere sull’efficacia dei dispositivi di protezione individuale (DPI). Test di laboratorio e un’indagine sulle pratiche degli agricoltori in condizioni di lavoro reali hanno dimostrato che non sempre i DPI vengono indossati, perché i dispositivi proposti sono spesso considerati scomodi dagli utilizzatori e non sempre adatti ai vincoli intrinseci dell’attività in questione.

L’EFSA ha presentato le sue nuove linee guida per la valutazione dell’esposizione degli operatori e dei lavoratori. Il documento stabilisce una metodologia che funge da guida per valutatori del rischio e produttori che presentino richieste di autorizzazione per pesticidi nel calcolo del rischio per le persone esposte ai pesticidi, a causa del lavoro svolto o della prossimità ad aree trattate con questi prodotti.

Sono stati presentati anche i primi risultati dello studio di coorte AGRICAN, come pure il rapporto sullo stato di avanzamento dei lavori del gruppo di esperti sull’esposizione dei lavoratori agricoli ai pesticidi, costituito dall’ANSES. Il lavoro di questo gruppo si prefigge di fornire una rassegna dei dati scientifici disponibili su alcune specifiche situazioni di esposizione, in condizioni di lavoro reali.

La conferenza è terminata con una tavola rotonda incentrata sulle prospettive per la prevenzione e la protezione degli utilizzatori e degli addetti all’applicazione di prodotti fitosanitari.

Bilancio e prospettive per il futuro

Oltre 200 persone hanno partecipato alla conferenza, nel corso della quale scienziati provenienti dall’Europa e dal resto del mondo hanno presentato i propri studi, sottolineando i significativi progressi compiuti nell’acquisizione dei dati sull’esposizione professionale ai pesticidi e nella conoscenza dei fattori e meccanismi chiave che la influenzano. È stata sottolineata l’importanza di applicare queste ricerche allo scopo di migliorare i metodi e i modelli utilizzati per valutare l’esposizione professionale nell’ambito di un quadro normativo. Sembrerebbe tuttavia necessario ulteriore lavoro al fine di approfondire la comprensione delle prassi, e di conseguenza dell’esposizione in condizioni di lavoro reali, una volta che i prodotti arrivano sul mercato.

Oltre ai progressi compiuti nella comprensione dell’esposizione professionale per valutare con più efficacia i rischi, anche la riduzione dei pericoli alla fonte e la sostituzione sono state oggetto di discussione, come percorsi primari da esplorare ai fini della prevenzione.

Infine tutti i partecipanti al seminario hanno convenuto sulla necessità di perseguire questo lavoro di collaborazione e la condivisione delle conoscenze con tutti i soggetti coinvolti nella ricerca e nella regolamentazione a livello europeo, come sottolineato dal direttore esecutivo dell’EFSA, Bernhard Url: “L’esposizione professionale ai pesticidi pone molte sfide ai valutatori del rischio. Tuttavia, come più volte sottolineato in questa conferenza congiunta, continueremo ad affrontare al meglio queste sfide mettendo in comune la nostra competenza professionale e lavorando insieme. Sono ansioso di promuovere la collaborazione scientifica con i nostri colleghi dell’ANSES su questa e su altre tematiche in futuro”.

Il direttore generale dell’ANSES, Marc Mortureux, ha condiviso questo punto di vista: “La scienza non ha confini. Non esiste alternativa alla scelta di lavorare insieme all’EFSA e ad altre agenzie per la sicurezza alimentare. Lavorare collettivamente è un’assoluta necessità per valutare con efficienza i rischi e proteggere i consumatori”.

Contatti stampa:

ANSES: +33 1 49 77 27 80 – presse [at] anses.frwww.anses.fr@Anses_fr
EFSA: +39 0521 036 149 – Press [at] efsa.europa.euwww.efsa.europa.eu@EFSA_EU

Documenti

Presentazioni