Dati sui pericoli biologici

L'EFSA analizza i dati a dimensione UE su malattie zoonotiche (infezioni e malattie che possono essere trasmesse tra animali ed esseri umani), resistenza agli antimicrobici ed epidemie di origine alimentare.

I dati vengono trasmessi annualmente dagli Stati membri, in ottemperanza al relativo regolamento UE.

In collaborazione con il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), l’EFSA pubblica ogni anno le annuali relazioni sintetiche UE, basate su tali dati.

L'EFSA analizza inoltre le indagini di riferimento condotte a dimensione UE sugli agenti zoonotici (come SalmonellaCampylobacter e Listeria presenti in prodotti alimentari e animali), nonché sulla resistenza agli antimicrobici. Tali indagini sono interamente armonizzate e offrono quindi valori confrontabili fra tutti gli Stati membri. Le risultanze vengono utilizzate dalla Commissione europea per fissare obiettivi di riduzione in tutta l’Unione europea o per esaminare l’eventuale necessità di specifiche misure a livello di Unione europea.

L’EFSA ha anche pubblicato vari documenti orientativi per gli Stati membri sul monitoraggio e la notifica di zoonosi, resistenza agli antimicrobici e focolai infettivi di origine alimentare.

Statistiche

Le statistiche aggregate sui dati trasmessi dagli Stati membri all'EFSA vengono salvate e collazionate nel magazzino dati dell’EFSA (EFSA Data Warehouse(Adobe Flash Player richiesto - download gratuito disponibile presso il sito di Adobe).

I sistemi di indagine sui focolai infettivi di origine alimentare non sono armonizzati tra un Paese dichiarante e l’altro. Inoltre, nel corso degli anni, alcuni Paesi hanno introdotto cambiamenti nelle loro modalità di segnalazione dei dati. Tali differenze ostacolano il confronto dei dati segnalati tra i diversi Paesi e, in alcuni casi, tra i dati dello stesso Paese per anni diversi. Pertanto i dati riferiti non riflettono necessariamente il livello di sicurezza alimentare di ciascun Paese.